Amaretto Adriatico bianco: dalle mandorle pugliesi il liquore 100% vegetale

L'Amaretto Adriatico bianco è prodotto in Italia partendo da in ingredienti di alta qualità ed è conforme al rigido standard etico VEGANOK, perché privo di qualsiasi ingrediente o additivo di origine animale.

Amaretto Adriatico bianco, il cui marchio è di proprietà dell’azienda Bellaventura France sas, è un liquore a base di mandorle bianche pugliesi. Il prodotto, secondo lo standard etico VEGANOK, non contiene alcun derivato animale né tra gli ingredienti né nel packaging, ed è realizzato interamente in Italia.

L’Amaretto Adriatico bianco è cremoso, vivace e luminoso alla vista, all’olfatto domina incontrastato il ricordo di mandorla; può essere consumato liscio, con un cubetto di ghiaccio, o diventare un ingrediente per preparare diversi cocktail o long drink. La bottiglia è disponibile nel formato da 70 cl e nell’aspetto evoca la terra in cui il liquore è prodotto: non solo l’azzurro, che richiama il mare pugliese ma – nel logo – anche il trullo e la mandorla, entrambi emblemi della regione.

Focus on: additivi di origine animale e cocktail

Un drink può contenere derivati animali e chi ha scelto uno stile di vita vegan non può non tenerne conto. In commercio esistono numerose bevande a base di crema di latte vaccino o panna, prodotti con aggiunta di miele o burro e drink allungati con albume d’uovo. Ma non solo: esistono anche altri additivi di derivazione animale che rendono un drink non adatto a una dieta plant-based.

Parliamo qui di un additivo in particolare, dal colore rosso, che caratterizza molti prodotti alimentari e molte basi per cocktail da aperitivo: l’E120, che si ottiene dall’insetto cocciniglia. Le femmine gravide producono la sostanza colorata: vengono macinate per ottenere una polvere da cui si ricava la colorazione alimentare. Una componente dunque decisamente non cruelty-free. Molte aziende hanno sostituito questo additivo con l’E124, ottenuto per via sintetica in laboratorio, di derivazione non animale. Si tratta di un colorante dal colore molto simile alla cocciniglia, chiamato anche Ponceau 4R. Un’ulteriore alternativa è il rosso o E122 (Azorubina), sintetico. Prima dell’introduzione di questi additivi sintetici le bevande rosse, quelle gassate, i bitter o il vermut erano colorati con l’E120 di derivazione animale.

Clicca sul pulsante in basso per conoscere tutti i prodotti Beltion certificati VEGANOK:

 

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli