Barcellona cimitero animali

A Barcellona aprirà il primo cimitero pubblico per animali per dare “un degno saluto ai propri amici a 4 zampe”

Sarà inaugurato entro la fine del 2024 nel Parco Naturale di Collserola a Barcellona il primo cimitero pubblico per animali della Spagna, in risposta alla crescente domanda dei cittadini.

A Barcellona sarà inaugurato il primo cimitero pubblico per animali della Spagna, un luogo dedicato esclusivamente alla sepoltura degli animali domestici: l’iniziativa risponde alla crescente domanda da parte della popolazione e ha visto lo stanziamento di oltre 1,1 milioni di euro di fondi pubblici per la sua attuazione.

Il cimitero sorgerà nel Parco Naturale di Collserola, aprirà entro la fine del 2024 e offrirà sia sepolture tradizionali che cremazioni, a un prezzo che si aggira attorno ai 200 euro: si pensa che ogni anno verranno effettuati circa 7 mila di questi servizi per tutte le persone – e sono tante – che desiderano salutare degnamente il proprio amico a quattro zampe come un vero e proprio componente della famiglia.

La novità di questo servizio sta nel fatto che il cimitero sarà pubblico, a differenza dei cimiteri per animali privati che esistono già non solo in Spagna, ma anche nel resto del mondo. Eloi Badia, consigliere di Barcellona per l’Emergenza climatica e la Transizione Ecologica, ha dichiarato che l’iniziativa è stata la risposta alla “costante domanda pubblica”, relativa anche alla necessità della popolazione di poter usufruire di un servizio più personalizzato.

Non stupisce, se si pensa che i barcellonesi sono storicamente considerati “grandi amanti degli animali” e si stima che, attualmente, oltre la metà delle famiglie ospiti almeno un animale domestico: sono circa 29 milioni in tutto e 180mila solamente i cani presenti nelle case della città.

Leggi anche: A Trento è ancora “caccia all’orso”, MJ5 sarà abbattuto dopo l’aggressione a un escursionista

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli