cosmetici solidi

I cosmetici solidi sono amici dell’ambiente?

Anche nel campo della cosmesi il concetto di sostenibilità è un driver di acquisto sempre più importante. Per rispondere alle richieste di mercato, le aziende da qualche tempo puntano sui cosmetici solidi: un'innovazione dal punto di vista dell'uso, che permette di risparmiare in termini di imballaggi inquinanti e spreco di acqua.

Un ritorno al passato per un futuro più sostenibile: sempre più consumatori stanno scegliendo attivamente abitudini di consumo più consapevoli e sostenibili, nell’ottica di ridurre gli sprechi ed impattare il meno possibile sull’ambiente. 

Da qui si spiega il ritorno e il rinnovato successo dei detersivi alla spina e dei cosmetici solidi per la cura e la pulizia del corpo, che riportano alla mente i prodotti utilizzati dai nostri nonni qualche decennio fa.

Ma attenzione: simili nel formato sì, ma le nuove “saponette” sono in realtà prodotti innovativi e formulati con ingredienti che rispondono a specifiche esigenze di ogni parte del corpo. I cosmetici solidi stanno rivoluzionando il modo di concepire la cosmesi e, non a caso, sempre più aziende danno il proprio contributo alla causa con nuove referenze pensate per fare leva sul crescente interesse dei consumatori per una cosmesi sostenibile.

La rinascita dei cosmetici solidi

Non solo saponi per il viso o il corpo: di cosmetici solidi è pieno il mondo e oggi sono disponibili un’infinità di prodotti senza contenitore.  Dallo shampoo al balsamo per capelli, dai deodoranti alle creme idratanti, passando per i dentifrici e perfino per le creme per la rasatura: qualsiasi tipo di cosmetico oggi si presenta in una formulazione nuova e in linea con i principi della sostenibilità e della bellezza “green” in voga ormai da qualche anno.

Un trend al grido di “zero waste”

Così come accade per il settore alimentare, anche in quello cosmetico l’imperativo morale è ormai quello di evitare il più possibile sprechi e rifiuti, abbracciando una filosofia “zero waste”. 

In ambito cosmetico, questo concetto si traduce nella scelta di prodotti con imballaggi ecologici – come vetro, carta o alluminio – privi di materie prime inquinanti e formulati con ingredienti “green”; il passo successivo è rappresentato dai cosmetici solidi, che coniugano tutte queste caratteristiche con ulteriori vantaggi. Quali? Vediamoli insieme.

I vantaggi di utilizzare cosmetici solidi:

  • Meno acqua: si calcola che circa l’80% di un tradizionale shampoo liquido sia costituito da acqua; allo stesso modo, i classici packaging in bottiglia sprecano una quantità enorme di risorse idriche specialmente in fase di produzione. I cosmetici solidi risolvono il problema perché non contengono acqua: secondo i dati più recenti, la sola produzione e vendita di shampoo solidi, a livello globale, evita lo spreco di 1.350.000 litri d’acqua all’anno.
  • Meno (o zero!) plastica: i brand che producono cosmetici solidi rispondono alle richieste di un mercato sempre più attento all’utilizzo della plastica, la cui diffusione ha ovvie ripercussioni ambientali. Basti pensare che ogni anno nel mondo si producono 400 milioni di tonnellate di plastica, delle quali 8 milioni finiscono negli oceani. I cosmetici solidi, invece, vengono solitamente venduti all’interno di confezioni eco-friendly in cartone, alluminio o vetro, o privi di packaging.
  • Praticità: i cosmetici solidi sono piccoli, leggeri e compatti. Ciò li rende facili da trasportare e più pratici in viaggio, specialmente se ci si sposta in aereo: addio preoccupazione per le dosi di liquidi consentite nei bagagli!
  • Formulazioni “green”: anche se non è una regola, il più delle volte le formulazioni di questi cosmetici sono eco-compatibili, in linea con il concetto di sostenibilità che rappresentano. In più, non è raro che i cosmetici solidi siano anche vegani: il motivo è legato alla tendenza a offrire ai consumatori (non necessariamente vegani) prodotti che rimandino al concetto di animal free e cruelty free. Sono soprattutto i giovani a premiare e quindi trainare questo mercato, che secondo gli esperti raggiungerà un valore di 20,8 miliardi di dollari entro il 2025, proprio per la ricerca di cosmetici che rispondano all’esigenza di un impatto etico e ambientale ridotto, unita all’impiego di ingredienti considerati sicuri – nonché benefici – per il consumatore.

cosmetici solidi

I prodotti “leader” del settore

Tra i cosmetici solidi dominano la scena gli shampoo, tra i primi prodotti lanciati sul mercato in forma solida come alternativa “eco” alla classica formulazione liquida. In generale, siamo di fronte a un mercato del quale si prevede un’espansione per i prossimi anni. In questo momento le aziende, tanto i grandi colossi della detergenza così come le piccole realtà artigianali, stanno lavorando per inserirsi all’interno di questo settore.

Aumentano infatti le referenze immesse sul mercato, così come la pubblicità relativa al lancio di nuovi prodotti, che puntano sempre di più e sempre con maggiore forza ai concetti di sostenibilità e tutela ambientale. In questo contesto, sono molti i player del mercato a puntare anche sul concetto di vegan e vegetale, dal momento che la cosmesi animal free è in forte ascesa e secondo gli esperti raggiungerà un valore di 20,8 miliardi di dollari entro il 2025, con un CAGR del 6,3% durante il periodo di previsione. Per questo molte aziende scelgono di aderire al rigido standard VEGANOK, per garantire ai consumatori prodotti cosmetici in linea con elevati standard etici: tra queste anche MilMil, azienda con oltre 35 anni di esperienza nel settore della cosmesi e del personal care, ma anche Hazzouri Art & Natura con i suoi numerosi olii solidi idratanti per il corpo, e il Saponificio Aquaviva, specializzato nella realizzazione di saponi solidi di elevata qualità.

Sono molto felice che sempre più aziende, anche le più “commerciali” si stiano orientando verso la produzione di saponi e shampoo solidi – dichiara la Dott.ssa Erica Congiu, responsabile del BioDizionarioÈ stato fatto un grande sforzo per rendere i cosmetici più “green”, con formulazioni eco-compatibili e biodegradabili. Grazie a BioDizionario possiamo capire quali ingredienti hanno un grosso impatto ambientale ed evitarli. Ma anche volendo scegliere i cosmetici più ecologici in circolazione, rimaneva il problema delle confezioni in plastica. 

I detergenti solidi sono sicuramente il futuro della cosmesi, ma ci sono alcune cose a cui bisogna prestare attenzione: innanzitutto, per loro natura tendono ad essere un po’ più aggressivi rispetto alla controparte liquida. Se si ha una pelle particolarmente sensibile e una cute secca, bisogna valutare attentamente le singole formulazioni. Inoltre “detergente solido” non è sinonimo di “vegan”, potrebbero essere comunque presenti ingredienti di origine animale come cera d’api e/o cheratina. In mancanza di una certificazione, sempre meglio analizzare l’INCI su BioDizionario.it o mediante l’omonima app”.

Leggi anche: Guida pratica alle pulizie vegan: tutto quello che devi sapere

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli