Francia: “no a tutti i pesticidi che uccidono le api!”

La Francia dice addio ai neonicotinoidi e diventa il primo paese in Europa a bandire tutti e cinque i pesticidi che stanno causando lo sterminio silenzioso delle api. Nonostante l'Unione Europea abbia sancito il divieto di tre sostanze, la Francia ha esteso il bando a ben 5 diversi neonicotinoidi. Nonostante le remore degli agricoltori, un rapporto dell'agenzia francese per la salute pubblica ANSES ha dichiarato che ci sono alternative "sufficientemente efficaci e operative" alla maggior parte dei neonicotinoidi utilizzati in Francia.

 

 

La Francia compie un passo radicale verso la protezione della sua popolazione di api in calo diventando il primo paese in Europa a vietare tutti e cinque i pesticidi che i ricercatori ritengono stiano uccidendo gli insetti.

La mossa per bandire i cinque cosiddetti neonicotinoidi è stata accolta positivamente dagli apicoltori e dagli ambientalisti ma i coltivatori di cereali e barbabietola da zucchero avvertono che questa misura potrebbe lasciarli senza difese nel proteggere preziose colture contro altri insetti dannosi.

Applicando il divieto generale, la Francia sta andando oltre le direttive dell’Unione Europea, che ha votato per mettere fuori legge l’uso di tre neonicotinoidi – clothianidin, imidacloprid e thiamethoxam – nei campi coltivati ​​a partire dal 19 dicembre 2018. La Francia ha vietato sia questi tre, sia il thiacloprid e acetamiprid, non solo all’aperto ma anche nelle serre.

Inizialmente contraria, la Gran Bretagna appoggia ora il divieto UE a causa delle prove a sostegno delle affermazioni che le sostanze chimiche contribuiscono al “disturbo da collasso della colonia”, un fenomeno misterioso che ha visto le popolazioni di api precipitare fino al 90% in alcuni casi. Altre cause potenziali sono acari, virus e funghi.

Introdotti a metà degli anni ’90, i neonicotinoidi sintetici condividono la struttura chimica della nicotina e attaccano il sistema nervoso centrale degli insetti. Destinato a sostituire i pesticidi più antichi e nocivi, è ora il più utilizzato per trattare colture in fiore, come alberi da frutta, barbabietole e vigneti. Ma studi scientifici hanno dimostrato che i neonicotinoidi riducono il numero di spermatozoi delle api e interferiscono con le loro abilità di memoria. Una recente ricerca di suggerisce anche che le api possano sviluppare una pericolosa dipendenza dagli insetticidi, proprio come i fumatori per la nicotina.

Alcuni agricoltori francesi non sono d’accordo e affermano che non vi sono prove sufficienti che i neonicotinoidi siano responsabili del declino delle api: chiedono esenzioni nei settori “dove non ci sono alternative o le alternative risultano insufficienti“. Il divieto “esacerberà la concorrenza sleale con i produttori europei e non europei” ancora autorizzati a usare i pesticidi, hanno avvertito.

Un rapporto dell’agenzia francese per la salute pubblica ANSES ha dichiarato che ci sono alternative “sufficientemente efficaci e operative” alla maggior parte dei neonicotinoidi utilizzati in Francia.

Altri ritengono che il divieto dovrebbe andare oltre. La domanda ora è una: si andrà davvero nella direzione dell’alternativa o queste sostanze saranno sostituite da altre non appena ritirate dal mercato?

Leggi anche: Piano Bee: l’era delle api robotiche è alle porte?

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli