Gli italiani amano la birra! Aumenta la popolarità di quella vegan

Si è da pochi giorni concluso l'evento Beer Attraction, salone dedicato esclusivamente agli operatori professionali della filiera. AssoBirra Monitor ha rilevato un aumento delle vendite della birra parti ad +6% negli ultimi 3 mesi del 2018. Grande interesse da parte dei consumatori per la novità: il 43% degli italiani mostra una propensione alla sperimentazione di birre nuove, non conosciute. Balzo del 55% per le imprese brassicole: continua infatti la crescita dei birrifici, specie quelle artigianali. Parallelamente al consumo standard, aumenta l'interesse per la birra 100% vegetale. Cosa significa "birra vegana"? Scoprilo nell'articolo.

Si è da pochi giorni concluso l’evento Beer Attraction: una quattro giorni in cui Rimini è diventata capitale della birra, un salone dedicato esclusivamente agli operatori professionali della filiera.

Le vendite di birra crescono: + 6% negli ultimi tre mesi del 2018 rispetto all’anno precedente. A fornire questo quadro incoraggiante, il report di AssoBirra Monitor sull’andamento delle vendite in Italia delle imprese che aderiscono ad AssoBirra, associazione che riunisce le maggiore aziende che producono e commercializzano birra in Italia, rappresentando più del 90% della produzione nazionale e del 71% di birra immessa al consumo nel nostro Paese.

Michele Cason, Presidente di AssoBirra ha affermato:

“I dati sulle vendite dell’ultimo trimestre del 2018 sono sicuramente la testimonianza che è in atto una vera e propria destagionalizzazione della birra dovuta a diversi fattori. Innanzitutto l’apprezzamento degli italiani per l’accresciuta varietà dell’offerta a cui si aggiunge un cambiamento delle modalità di consumo e un crescente desiderio di conoscenza dell’universo birrario. Oggi il 43% degli italiani mostra una propensione alla sperimentazione di birre nuove, non conosciute, con livelli di consumo che toccano quota 61% nei locali (ristoranti, pizzerie, pub, bar) durante i pasti e del 64% a casa propria durante la cena, con impatti economici positivi sul canale Ho.Re.Ca, sulla GDO e sulla distribuzione tradizionale. Si va nella direzione di un consumo che si allarga ad altri luoghi, contesti, situazioni e di una maggiore consapevolezza delle caratteristiche della birra, dei suoi processi produttivi e del legame col territorio”.

Balzo del 55% per le imprese del comparto brassicolo. Continua la crescita dei birrifici, specie quelle artigianali. Lo rende noto Unionbirrai, spiegando che le imprese del comparto sono passate da 649 a 1.008, mentre i lavoratori sono invece saliti da 7.893 a 9.126. Per il prossimo triennio si prevede una ulteriore crescita di occupati del 10%. Secondo la ricerca “Gli italiani e la birra” commissionata da Assobirra ad Astraricerca, nella sola Emilia Romagna ci sono stati 15 nuove aperture negli ultimi 5 anni (+88%),seguita da Liguria, Toscana, Marche e Umbria, con +41%.

Le tendenze di consumo confermano che in Italia resta il primato delle American Pale Ale (APA) e delle India Pale Ale (IPA) in tutte le loro declinazioni. Spazio anche alle IGA (Italian Grape Ale), che prevedono l’aggiunta di vino, mosto o uva durante la lavorazione. Ancora agli inizi, lo studio sulle birre con la cannabis: una sperimentazione nata in California che in Italia si declina con l’utilizzo di cannabis con livello di Thc consentito (ovviamente) dalla legge. Tra le novità più di nicchia, le birre dolci, lavorate aggiungendo vaniglia, caffè, cacao o caramello.

Ciò che come Osservatorio stiamo rilevando, è un crescente aumento anche delle aziende che vogliono proporre alla propria clientela una birra vegan o 100% vegetale.

MA COSA SIGNIFICA BIRRA VEGANA?

VEGANOK, come marchio di garanzia, ha gettato le basi per uno standard molto rigido a riguardo. Una birra è conforme allo standard solo in presenza di alcune caratteristiche. Eccone alcune più specifiche sul prodotto:

Consulta la versione integrale del Disciplinare VEGANOK

Per gli alcolici:

Non è consentito l’uso di prodotti di origine animale per la chiarificazione e stabilizzazione del prodotto come ad esempio albumina, caseine, colla di pesce, gelatine animali, ecc. L’indicazione in etichetta di possibili contaminazioni di allergeni di origine animale è conforme al disciplinare (si veda Allegato A).

Etichettatura: non è consentito l’uso di colle, inchiostri, lubrificanti di origine animale o qualsiasi altro materiale di origine animale per l’etichettatura e il confezionamento del prodotto

Sul prodotto non sono consentiti suggerimenti che contemplino sia in forma grafica, sia testuale, l’utilizzo di ingredienti o materiali di origine animale.

Molte sono le aziende che hanno scelto il marchio VEGANOK per le proprie birre. 

Scopri tutti i prodotti

BIRRA MORENA
OFFICINA DELLA BIRRA
FARCHIONI
BAMBU BIO 
BIRRIFICIO SAN GIMIGNANO 
32 VIA DEI BIRRAI

 

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli