Industria Felix: Andriani vince per il secondo anno consecutivo il premio per le “eccellenze”

Per la seconda volta Molino Andriani, azienda leader nella produzione e commercializzazione di pasta "alternativa" senza glutine, è stata premiata dal periodico economico-finanziario Industria Felix come una delle realtà più affidabili e competitive del territorio pugliese.

Michele Andriani, AD di Andriani Spa

Andriani – azienda pugliese considerata tra le più importanti realtà nel settore innovation food e specializzata nella produzione di pasta senza glutine a base di legumi e cereali, per la quale l’azienda ha scelto la certificazione VEGANOK – vince per il secondo anno consecutivo il premio Industria Felix per le “eccellenze”, le realtà imprenditoriali con bilanci virtuosi. Un’onorificenza che riconosce i primati delle aziende rispetto ai principali parametri di bilancio e che premia l’inventiva, lo zelo e la determinazione di realtà in grado di dare frutti redditizi (da qui il significato dell’aggettivo “felix”) in termini di benessere sociale e progresso economico.

Su queste basi, Andriani è stata premiata come migliore impresa under 40 della Puglia, su 52 aziende coinvolte tra Puglia, Basilicata e Molise, selezionate attraverso un’indagine su circa 14 mila bilanci relativi al 2018 a cura del periodico economico-finanziario Industria Felix in collaborazione con l’Ufficio Studi dell’agenzia di rating Cerved. “Ringrazio Industria Felix e Cerved per questo prestigioso riconoscimento che dedico, in particolare, agli oltre 150 dipendenti della nostra azienda e al loro costante impegno – ha dichiarato Michele Andriani, Presidente e AD di Andriani Spa, durante la premiazione avvenuta da remoto – Sono inoltre felice di constatare che il Sud Italia sta davvero iniziando a fare rete: sono i sacrifici condivisi con tutta la filiera che ci permettono di essere competitivi sul mercato“.

L’azienda, che con i suoi prodotti innovativi serve oltre 50 nazioni al mondo, ha scelto il rigido standard VEGANOK a garanzia della qualità delle sue paste 100% senza glutine; tra le referenze, in diversi formati, della linea Felicia troviamo:

  • la pasta di grano saraceno bio;
  • la pasta di lenticchie gialle bio;
  • la pasta di lenticchie rosse bio;
  • la pasta di piselli verdi bio;
  • la pasta di fagioli verdi Mung;
  • la pasta di ceci.

Pasta di legumi: un trend in crescita

L’azienda Andriani, con il suo marchio di pasta “alternativa” Felicia, è leader in Italia nella produzione di pasta di legumi e cereali senza glutine, e si colloca in un settore in forte crescita negli ultimi anni. Non più solo un prodotto di nicchia riservato alla clientela intollerante al glutine e distribuito nei negozi specializzati, ma referenze apprezzate anche da consumatori attenti alla salute e per questo sempre più presenti anche nella GDO. Nella maggior parte dei casi parliamo di formati corti – come sedani, farfalle, fusilli, penne o caserecce – anche se non mancano aziende come Andriani che abbiano deciso di innovare ulteriormente il settore dedicandosi anche alla produzione di formati differenti, quali i classici spaghetti o le lasagne reinventati in chiave “alternativa”.

In ogni caso siamo di fronte a un prodotto che trova il proprio target ideale di riferimento nei consumatori intolleranti al glutine, ma che piace anche a vegani e vegetariani per il suo contenuto di proteine più alto rispetto alle altre tipologie di pasta. Anche il consumatore attento alle innovazioni “healthy” trova in questa tipologia di prodotto un valido appeal, anche grazie al trend del “free from”: particolarmente diffuso tra i Millenials (da 20 a 40 anni), secondo una ricerca di Mintel suscita l’interesse di una persona su quattro anche se solo una su cinque lo fa per motivi medici.

Clicca sul pulsante in basso per conoscere tutti i prodotti Andriani certificati VEGANOK:

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli