lidl allevamenti

Lidl e gli allevamenti tedeschi: un’indagine svela la cruda realtà

Tra le mura degli allevamenti e le corsie dei supermercati: la realtà sconcertante che si cela dietro la carne di pollo di Lidl

Un’indagine condotta da Essere Animali ha rivelato pratiche di maltrattamento e condizioni igienico-sanitarie critiche in due significativi allevamenti situati nel nord-ovest della Germania, che riforniscono direttamente la catena di supermercati Lidl. Le testimonianze visive mostrano pulcini appena nati trattati con estrema violenza, polli geneticamente alterati per una crescita rapida che mostrano segni tangibili di disagio, e un ambiente degradato caratterizzato da sporcizia e resti animali in decomposizione. Questi dati, evidenziano la necessità di una maggiore responsabilità e trasparenza da parte delle grandi catene di distribuzione e l’urgenza di una riflessione collettiva sul consumo di carne

Dettagli sconvolgenti

Le riprese effettuate nell’allevamento di Löningen, in Bassa Sassonia, presentano scene di pulcini brutalmente maltrattati e polli con deformità evidenti e problemi motori. La loro condizione fisica, risultato di interventi genetici per favorire una crescita accelerata, riflette un evidente stato di sofferenza e stress.

Condizioni degradate e abusi

L’habitat in cui sono confinati questi polli è gravemente compromesso, con prevalenza di sporcizia, resti animali in decomposizione e episodi di cannibalismo. In un diverso allevamento a Stadtlohn, filmati hanno catturato lavoratori mentre abusavano degli animali, lanciandoli o aggredendoli fisicamente.

Chiamata all’azione

Di fronte a tali scoperte, è imperativo che le grandi catene di distribuzione agiscano. Essere Animali, supportata da altre 20 organizzazioni, sollecita Lidl a rinnovare i propri standard di benessere animale e a sottoscrivere l’European Chicken Commitment, un’iniziativa mirata a migliorare la qualità di vita dei polli e a proibire le pratiche più inumane.

È fondamentale che i consumatori siano pienamente informati sulla realtà che si cela dietro ai prodotti che acquistano. Solo con una decisione informata e consapevole possiamo aspirare a un domani dove l’etica e il rispetto per ogni forma di vita prevalgano.

La realtà che emerge da queste rivelazioni ci pone di fronte a una riflessione profonda e ineludibile. Mentre le norme sul benessere animale possono offrire qualche miglioramento marginale, esse non possono mai restituire pienamente la dignità a questi esseri viventi sfruttati e maltrattati. L’unico percorso sostenibile e eticamente accettabile è uno shift radicale del nostro sistema alimentare in direzione vegetale. Solo abbandonando la dipendenza dalla carne e scegliendo di nutrirci in modo più compassionevole e rispettoso, possiamo sperare di porre fine a queste atroci ingiustizie. La vera soluzione risiede non solo nel migliorare le condizioni degli animali allevati, ma nell’eliminare la necessità di sfruttarli in primo luogo. Solo così possiamo aspirare a un futuro in cui ogni individuo, indipendentemente dalla specie, possa vivere con dignità e rispetto.

 

Leggi anche: L’influencer “carnivora” e il dibattito vegan tra sensazionalismo e disinformazione

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli