Oatly

Oatly spiazza il settore lattiero-caseario: “Vi regaliamo la pubblicità se pubblicate i dati della vostra impronta ambientale”

Con una nuova, geniale campagna pubblicitaria, l'azienda svedese Oatly lancia una provocazione e punta i riflettori sull'insostenibilità dell'industria lattiero-casearia.

Oatly, il gigante svedese del latte vegetale, torna a far parlare di sé, questa volta con una provocazione diretta al settore lattiero-caseario: l’azienda offre degli spazi pubblicitari gratuiti accanto ai propri, se l’industria del latte vaccino sarà pronta a rendere pubblici (esattamente come Oatly) i dati sull’impronta ambientale della sua produzione.

Parliamo di spazi pubblicitari importanti su testate del calibro del New York Times, Los Angeles Times e Washington Post, insieme a enormi cartelloni pubblicitari a Times Square e Hollywood, sui quali Oatly ha reso noti i dati ottenuti dall’analisi dell’impronta ambientale delle sue linee produttive. Per fare un esempio, l’azienda dichiara che il suo latte Barista Edition ha un impatto climatico inferiore del 44-76% rispetto al latte vaccino.

Fin qui, una campagna pubblicitaria come tante altre prima di ora, se non fosse che accanto a questi spazi occupati da Oatly, l’azienda ne ha acquistati altri da regalare all’industria lattiero casearia. E così, su un’inserzione di due pagine, una è pura pubblicità del marchio, ma l’altra è una sfida aperta all’industria del latte vaccino: “Abbiamo acquistato queste pagine per dirvi che abbiamo deciso di segnalare sui nostri prodotti la loro impronta ambientale. E regaleremo questa pagina al settore lattiero-caseario, così potranno fare la stessa cosa anche loro.”

Per accettare questo insolito e provocatorio regalo da parte di Oatly (del valore di 50mila dollari!), il settore lattiero-caseario dovrà calcolare il proprio impatto ambientale utilizzando un sito web dedicato, dove dovrà rispondere a 68 domande, le stesse a cui ha risposto Oatly per ottenere i dati pubblicati nella campagna e la sua certificazione climatica già presente sui prodotti venduti negli USA.

Un confronto diretto da cui Oalty ha ovviamente la certezza di uscire vincitrice, visto che è ormai ampiamente noto l’impatto devastante che la produzione di latte vaccino ha sull’ambiente, con evidenze scientifiche sempre più aggiornate. Proprio per questo motivo, è molto probabile (anzi, potremmo dire certo) che l’appello dell’azienda svedese cadrà nel vuoto, anche perché la trasparenza rispetto a queste tematiche non è mai un punto forte quando si parla dell’industria zootecnica.

Sicuramente, Oatly segna l’ennesimo punto a favore della propria strategia di marketing, da sempre nota per essere irriverente, provocatoria e incredibilmente efficace. Nel corso del tempo, l’azienda ha infatti saputo giocare con claim stravaganti e irriverenti, che attirano l’attenzione del consumatore: ne è un esempio la campagna pubblicitaria lanciata nella metropolitana di Londra. “È come il latte vaccino, ma fatto per gli umani” è uno degli slogan che, ormai qualche anno fa, l’hanno resa celebre nel mondo.

Leggi anche: Oatly arriva ad alta quota: al via la partnership con SWISS per portare il latte vegetale su tutti i voli della compagnia

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli