atleta vegano 85 anni

Paul Youd, atleta vegano da record: ha 85 anni e punta alle 100 ultramaratone prima dei 100

Il viso gentile e una tempra invidiabile sono le caratteristiche che saltano subito all'occhio in Paul Youd, atleta vegano di 85 anni che, per i prossimi compleanni, ha decisamente molti ambiziosi obiettivi da raggiungere.

Paul Youd è un signore inglese di 85 anni dal viso gentile e una storia a dir poco straordinaria: vegano da quando aveva 60 anni, ha ripreso a svolgere attività fisica regolarmente a 80 anni e oggi sta lavorando per ottenere risultati incredibili. Youd, infatti, si allena costantemente per riuscire a completare un milione di flessioni prima del suo 90° compleanno e 100 ultramaratone prima del suo 100° compleanno.

Traguardi difficili da raggiungere anche per persone ben più giovani di lui, ma che Youd confida di riuscire a conquistare anche grazie ai benefici dell’alimentazione plant-based: nonostante la sua passione per la maratona risalga a quando aveva 40 anni, ha dichiarato di averla abbandonata poco dopo a causa dei dolori provocati dall’artrite, che gli impedivano di compiere anche le azioni quotidiane più semplici.

La svolta è arrivata una ventina di anni dopo, quando l’uomo ha scelto di non mangiare più carne per via delle notizie relative al cosiddetto morbo della “mucca pazza” che circolavano in quel periodo in Inghilterra e che legavano al consumo di carne il rischio di contrarre l’encefalopatia spongiforme, malattia molto grave e dall’esito sempre fatale. Da lì, il passo successivo è stata l’eliminazione completa di tutti i derivati animali, che ha portato all’uomo grandi benefici in termini di salute, compreso un netto miglioramento dei sintomi dell’artrite. Una scelta non unicamente legata alla sua persona ma anche all’etica, però, visto che da molti anni Youd è anche un attivista per i diritti animali:Non voglio che un altro animale muoia per me” è stato il pensiero che l’ha portato al cambiamento.

Sportivo, vegano e ultra 80enne da record

Attualmente, Youd è un nonno vegan che sta cercando di compiere una vera e propria “impresa”, con un allenamento quotidiano che l’ha portato a riuscire a fare mille flessioni in tre giorni, mentre ascolta il tg o un podcast, e il totale finora è già più di 650mila.

E non è tutto: l’uomo ha completato la sua prima ultramaratona nel luglio 2021 – la Devon Coast to Coast, di circa 100 km – e da allora ha detto di essere rimasto “folgorato”, e in tutto ha partecipato a nove ultramaratone che gli sono valse una collezione di medaglie, ma l’ambizioso obiettivo è riuscire a prendere parte ad altre 91 prima di compiere 100 anni.

Possiamo tutti fare molto di più di quanto pensiamo” è il mantra di Paul, a cui piace sottolineare sempre l’importanza di agire per non contribuire allo sfruttamento animale con le proprie azioni quotidiane, partendo da ciò che si decide di portare (e non portare) a tavola.

Leggi anche: Austin Meyer, ultrarunner vegan da record, ha vinto una gara da 100 km nel deserto

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli