petizione pellicce europa

Basta al commercio di pellicce in Europa: sempre più vicini al traguardo dei 2 milioni di firme per la petizione

Niente più commercio di pellicce - e niente più allevamenti di animali per produrne - in tutta Europa: questo il fulcro della nuova petizione lanciata da Eurogroup for Animals, che ha già ottenuto più di 306.000 firme e conta di raggiungere il traguardo di un milione.

+++ AGGIORNAMENTO AL 9 FEBBRAIO 2023 +++

Rispetto a quando ne avevamo parlato, a settembre 2022, la campagna Fur Free Europe lanciata da Eurogroup for Animals, ha superato il suo primo obiettivo dichiarato – il milione di firme – e ora si avvia verso un altro, importantissimo traguardo: i 2 milioni di sottoscrizioni da parte dei cittadini europei per dire basta al commercio di pellicce in Europa e agli allevamenti per produrne.

Puoi fare ancora la tua parte firmando la petizione.

Clicca qui per firmare la petizione.

Niente più commercio di pellicce – e niente più allevamenti di animali per produrne – in tutta Europa: questo il fulcro della nuova petizione lanciata da Eurogroup for Animals, che ha già ottenuto più di 306.000 firme e conta di raggiungere il traguardo di un milione.

Se così fosse, l’iniziativa, denominata Fur Free Europe, potrà essere presentata alla Commissione europea.

La petizione Fur Free Europe, per un’Europa senza pellicce

Gli attivisti che hanno lanciato la petizione sperano che, una volta raggiunto il traguardo del milione di firme, la Commissione Europea intraprenderà finalmente le azioni necessarie per porre la parola fine all’esistenza degli allevamenti di animali da pelliccia ancora in attività.

Altro obiettivo della petizione, arrivare a quella che sarebbe una presa di posizione storica per il Vecchio Continente, arrivando al divieto commerciale di pellicce e prodotti simili all’interno di tutto il mercato europeo.

Possiamo mettere fine al tremendo business delle pellicce in Europa

L’auspicio è che la legislazione porti gli Stati ancora coinvolti nel commercio di pellicce a far diventare questa attività crudele e pericolosa un ricordo lontano. Ogni anno, per la loro pelliccia, si stima che vengano macellati 100 milioni di animali: di questi, oltre il 95% viene allevato.

Questi numeri dimostrano che anche specie selvatiche come volpi, visoni, procioni e a volte persino cani vengano rinchiuse con la forza in allevamento per ricavarne pellicce. Una cattività innaturali, da cui gli animali vogliono fuggire in ogni modo, a costo di auto-mutilarsi per cercare di scappare. Gli animali allevati per la pelliccia, poi, non sono protetti da alcuna legislazione sul benessere: vanno incontro a morti dolorose, con metodi che hanno l’unico scopo di mantenere intatte le loro pelli e le loro pellicce affinché i benefici – solo per l’essere umano, beninteso – siano massimi.

I metodi di macellazione di questi animali sono tremendi, dal soffocamento con gas all’elettrocuzione e avvelenamento. Alcuni sono addirittura scuoiati vivi.

Ecco come firmare la petizione

Un’attività orribile, sempre più rinnegata da tantissime persone che scelgono di non acquistarne più e di schierarsi dalla parte giusta della storia. Lo si può fare anche firmando petizioni come questa, che ha il potere davvero cambiare le cose.

Vuoi farlo anche tu? Clicca qui per firmare la petizione.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli