Post -Covid, le prospettive future: ambiente e politiche sociali per la ripartenza

A Bird's Eye view è una società di consulenza strategica di business e marketing che lavora su sviluppo commerciale, sociale e sostenibile. Raccogliendo dati da 1000 persone in 7 paesi ha fornito una panoramica delle maggiori aspettative di cittadini e aziende nel merito della ripartenza e della costruzione del concetto di "new normal". Ciò che emerge è l'interesse preponderante per una ripartenza green al cui centro vi sia l'ambiente e gli aspetti sociali legati alla qualità di vita dei cittadini lavoratori.

Una recente ricerca promossa dalla società “A Bird’s Eye Review” ha raccolto riscontri attraverso 1.000 risposte in 7 paesi: Regno Unito, Francia, Italia, Cile, Perù, Indonesia e Nigeria per tracciare uno scenario post-covid e riunire le aspirazioni di persone di paesi e culture diverse. I dati sono stati raccolti dal 05 maggio al 22 maggio 2020 tramite un sondaggio online

Una teoria comune è che la pandemia coronavirus creerà una “nuova normalità”.  È in atto a livello globale una discussione sulla possibilità di sfidare l’attuale modello economico e cambiare il modo in cui le imprese, i governi e la società civile lavorano insieme per il bene comune. Dare maggiore priorità alle politiche sociali e ambientali potrebbe essere fondamentale per la ripresa economica.

Dallo studio emergono due aspetti in particolare:

  • Il 97% delle persone vuole che il piano di ripresa per la ricostruzione dell’economia implichi misure sociali, ambientali ed economiche.
  • L’85% ritiene che la crisi abbia rivelato problemi e che stia accelerando un cambiamento che doveva comunque avvenire.

L’ambiente: il futuro è sostenibile.

L’ambiente è molto importante ed è un tema diventato più critico dall’inizio della pandemia. Oltre la metà delle persone afferma che l’inquinamento (62%), il cambiamento climatico (59%) e la scarsità di risorse naturali (58%) sono le principali questioni ambientali che contano. Molte persone si aspettano che la protezione dell’ambiente assuma maggiore priorità nel piano di ripresa.

Imprese e responsabilità sociale

Le imprese devono inserire un impatto sociale e ambientale nelle loro
strategie. Covid-19 ha esposto le vulnerabilità nei modelli di business ma allo stesso tempo ha dimostrato quanto sia importante il business per la società. Le persone si aspettano che le imprese si concentrino sul loro impatto ambientale e sociale seguito da condizioni salariali e sul posto di lavoro eque.

I dati più significativi relativi all’Italia:

I dati italiani sono interessanti: per il 62% del campione intervistato la crisi attuale porterà un cambiamento permanente in grado di creare una “nuova normalità”; per il 98% il piano di ripresa deve tener conto delle questioni relative alla politica, all’ambiente e all’economia. Questo significa che tutti gli italiani interpellati sono consapevoli che una rivoluzione deve avvenire in tutti gli ambiti della nostra società: POLITICA, AMBIENTE, ECONOMIA. Si rileva inoltre una una forte convinzione che la ripresa debba essere guidata dal governo (88% degli intervistati): alla politica dunque, il compito di fornire risposte alla crisi, di sostenere la ripresa delle piccole e medie imprese e migliorare le condizioni salariali e lavorative della forza lavoro. A tale scopo, il 52% ritiene fondamentale accelerare l‘accesso alla tecnologia e allo sviluppo dei servizi online; quasi 5 persone su 10 ritengono sia necessario incentivare gli investimenti in settori diversificati come l’energia verde e l’economia a basse emissioni di carbonio.

Sul fronte della condotta delle attività produttive, il 72% degli intervistati ha manifestato la convinzione che una delle responsabilità fondamentali del sistema azienda sia quello di migliorare l’impatto sociale e ambientale; migliorare il salario e le condizioni di lavoro è una priorità per il 44%.

Molto interessante ciò che emerge sul fronte della responsabilità del cittadino all’interno della società:  il 56% ritiene sia fondamentale valorizzare le relazioni e la collaborazione tra individui e sopratutto, dare maggiore priorità alla natura e all’ambiente: 56%. Il37% rivaluterà i valori relativi alla spesa e ai consumi.

Consulta il report completo: Un’ unica crisi vissuta in modo diverso in tutto il mondo – quale prospettive future le persone auspicano di trarre da questa esperienza?

Fonte delle infografiche: A bird’s eye view

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli