profumi etanolo emissioni carbonio

Cosmesi: arrivano i profumi creati riutilizzando le emissioni di CO2

Se ti avessero detto che il prossimo profumo che indosserai, sarà creato riutilizzando le emissioni di carbonio, ci avresti creduto? Coty, una delle più grandi aziende di beauty al mondo, è al lavoro per rendere le sue fragranze sostenibili dal 2023.

Ridurre l’impatto ambientale realizzando profumi e fragranze a base di etanolo ottenuto dalle emissioni di carbonio: questa è la nuova frontiera della sostenibilità nel mondo della cosmesi, abbracciata da Coty, una delle più grandi aziende di profumeria nel mondo. La società è proprietaria di marchi del calibro di Dolce & Gabbana, Gucci e Calvin Klein, che di fatto utilizzeranno “carbonio riciclato” all’interno delle proprie fragranze.

L’etanolo (alcol etilico) è usato nei cosmetici con azione solvente e conservante, ed è una delle componenti essenziali all’interno di un profumo (per Coty, l’80% della formulazione): evapora velocemente sulla pelle e permette di fissare la fragranza. Da qualche anno le aziende utilizzano etanolo ricavato dalla canna da zucchero e dalla barbabietola da zucchero; un prodotto naturale, certo, ma che ha comunque un grande impatto ambientale e contribuisce alla deforestazione e al degrado degli ecosistemi.

Coty ha dunque iniziato a collaborare con l’azienda LanzaTech, che si occupa di innovazione e sostenibilità: il risultato è l’etanolo chiamato Lanzanol, ottenuto raccogliendo e fermentando la CO2 emessa dall’attività industriale prima che venga rilasciata nell’atmosfera. Va da sé che questa tecnologia, se impiegata su larga e larghissima scala, potrebbe contribuire in maniera importante a ridurre l’impatto ambientale del settore della bellezza.

Lanzanol: etanolo “sostenibile”

Come riferisce l’azienda produttrice, l’etanolo realizzato partendo dal carbonio comporta un consumo di acqua quasi pari a zero e riduce la necessità di terreni agricoli, limitando a sua volta l’impatto sulla biodiversità e riducendo le emissioni di carbonio legate alla produzione di fragranze. Naturalmente, l’etanolo “sostenibile” soddisfa gli standard richiesti l’uso in profumeria e, di fatto, ha una resa identica a quello ottenuto con altre modalità.

profumi etanolo emissioni carbonio

Quello di Coty è certamente un passo avanti in nome della sostenibilità: l’azienda, dal 2023, mira a produrre solo profumi sostenibili utilizzando l’etanolo prodotto tramite la cattura del carbonio. Ha già fatto passi da gigante quando, a metà gennaio, lo stabilimento di produzione spagnolo dell’azienda ha ricevuto 20 tonnellate di Lanzanol per iniziare la produzione.

La multinazionale non è però l’unica ad aver mostrato il proprio interesse per questa tecnologia: qualche tempo fa il brand Zara l’ha scelta per produrre un tessuto simil-pelle all’interno di una delle sue collezioni; in quel caso, la fonte di emissioni era una grande acciaieria cinese.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli