Sicurezza alimentare: richiamati ragù di carne e burger vegetali per rischio fisico

Nuovi richiami alimentari diramati dal Ministero della Salute per rischio di contaminazione fisica: ragù di vitello, lasagne al forno e cannelloni di carne a marchio Esselunga, richiamati per possibile presenza di frammenti di plastica. Mini Burger Kioene richiamati per possibile presenza di corpi estranei nel prodotto e in particolare di biglie di vetro. Le aziende invitano i consumatori che hanno acquistato il prodotto a non consumarlo e riportarlo presso il punto vendita. Che cosa si deve fare nel caso in cui si trovi un corpo estraneo all'interno del prodotto? Ne parliamo nell'articolo.

RAGU DI VITELLO TOP

Denominazione del prodotto: Ragù di vitello top
Marchio Esselunga spa

Lotto coinvolto: SC. 07.02.19
Data di scadenza: 07.02.19

Prodotto da Esselunga Spa in Via Giambologna 1, Limito di Pioltello, Milano

Il prodotto è commercializzato in confezioni da 200gt gr.

Motivo della segnalazione: Richiamo per probabile presenza di frammenti di plastica.

L’azienda invita i consumatori che hanno acquistato il prodotto a non consumarlo e riportarlo presso il punto vendita.

Modello di richiamo_documentazione 

LASAGNE AL FORNO

 

Denominazione del prodotto: Lasagne al forno
Marchio Esselunga spa

Lotto coinvolto: SC. 30.01.19
Data di scadenza: 30.01.19

Prodotto da Esselunga Spa in Via Giambologna 1, Limito di Pioltello, Milano

Il prodotto è commercializzato in confezioni da 600 gr.

Motivo della segnalazione: Richiamo per probabile presenza di frammenti di plastica.

L’azienda invita i consumatori che hanno acquistato il prodotto a non consumarlo e riportarlo presso il punto vendita.

Modello di richiamo_documentazione 

CANNELLONI DI CARNE

Denominazione del prodotto: Cannelloni di carne
Marchio Esselunga spa

Lotto coinvolto: SC. 29.01.19
Data di scadenza: 30.01.19

Prodotto da Esselunga Spa in Via Giambologna 1, Limito di Pioltello, Milano

Il prodotto è commercializzato in confezioni da 330 gr.

Motivo della segnalazione: Richiamo per probabile presenza di frammenti di plastica.

L’azienda invita i consumatori che hanno acquistato il prodotto a non consumarlo e riportarlo presso il punto vendita.

Modello di richiamo_documentazione 

MINIBURGER KIOENE

Denominazione del prodotto: Miniburger vegetale agli spinaci
Marchio Kioene

Lotto coinvolto: DP00139K
Data di scadenza: 07/02/2019

Prodotto daKioene Spa, nello stabilimento di via Caltana 55, a Villanova di Camposampiero, in provincia di Padova

Il prodotto è commercializzato in confezioni da 200 gr.

Motivo della segnalazione: Richiamo per possibile presenza di corpi estranei nel prodotto e in particolare di biglie di vetro.

L’azienda invita i consumatori che hanno acquistato il prodotto a non consumarlo e riportarlo presso il punto vendita

Modello richiamo_documentazione

Che cosa devo fare se trovo un frammento o un corpo estraneo in un prodotto?

Al consumatore finale può capitare di trovare un corpo estraneo nel prodotto o che le condizioni di conservazione non siano ottimali: prodotto avariato, cattivo odore, aspetto non conforme. In questo caso è opportuno avvertire sia il punto vendita dove si è effettuato l’acquisto, sia il produttore (attraverso i contatti disponibili: sito web dell’azienda – numero verde del servizio clienti), fornendo tutti i dati necessari a identificare il prodotto: lotto, data di produzione e data di scadenza. È importante tenere traccia del prodotto: se non è possibile conservarlo, allora è importantissimo fare delle fotografie per dare prova della non conformità rilevata. Le aziende devono verificare che il reclamo sia fondato e legato al processo produttivo, non ad altri fattori, come la cattiva conservazione nel punto vendita. Al cliente viene poi fornito un riscontro.

Perché accade che alcuni prodotti confezionati o inscatolati vengano richiamati per contaminazione da corpi estranei? Dipende dalla lavorazione che viene fatta all’interno dello stabilimento produttivo.

I contaminanti fisici sono numerosi diversi sia per tipologia che per origine.
La fonti sono principalmente di 4 tipi:

  • PERSONALE: bracciali, oggetti personali, penne, tappi di bottiglia ecc
  • SRUTTURA E IMPIANTI: viti, bulloni, lame, utensileria ecc
  • IMBALLI: plastica, carta, vetro, cartone ecc
  • INGREDIENTI: foglie, terra, ossa (dove si lavora la carne) ecc.

La contaminazione di tipo fisico quindi può avere diverse cause dovute all’ambiente di lavoro o legate alla (scarsa) manutenzione degli impianti, l’ipotetico mancato rispetto delle norme igieniche: le cause sono molteplici. Raramente le aziende oltre a dichiarare la contaminazione fisica, forniscono indicazioni anche su come quella contaminazione sia avvenuta. Ciò che le aziende devono fare, è definire a attuare programmi di prevenzione e controllo valutando tutti i potenziali rischi (come da protocollo HACCP) per ridurre il più possibile l’incidenza di queste problematiche.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli