spot impatto ambientale vegan friendly

Arriva il primo spot che porta alla luce l’impatto ambientale del consumo di carne

Ecco Hell of a Steak, spot creato dalla no-profit Vegan Friendly UK per sensibilizzare sull'impatto ambientale dell'agricoltura animale e del consumo di carne sul Pianeta.

I commensali chiedono informazioni su un piatto di carne e il cameriere spiega loro e fa toccare con mano esattamente quali risorse e in che quantità servano soltanto per produrre il loro piatto: questo il canovaccio – semplice ma di sicuro impatto – di Hell of a Steak, spot creato dalla no-profit Vegan Friendly UK per sensibilizzare sull’impatto ambientale dell’agricoltura animale e del consumo di carne sul Pianeta.

Lo spot rende chiaro l’impatto ambientale di una sola bistecca

Il commercial è andato in onda per la prima volta lo scorso fine settimana in Israele, durante la messa in onda della finale dell’Eurovision Song Contest di Torino, ma verrà presto trasmesso anche in UK – probabilmente già in questi giorni – sia negli Stati Uniti nei mesi a venire.

Hell of a Steak si concentra su una coppia che si prepara ad ordinare la cena in un ristorante chiamato “Meat Out“: l’uomo chiede al cameriere maggiori informazioni su uno dei piatti, chiamato appunto “Hell of a Steak” (in italiano “una diavolo di bistecca”). Il cameriere risponde così: “Sono contento che lei me l’abbia chiesto, non sa cosa passiamo solo per portarlo nel suo piatto“. Da qui, lo spot prende una strada ironica ma illuminante.

Il vero costo dell’agricoltura animale sul Pianeta

Mentre il cameriere racconta nel dettaglio cosa significhi produrre una sola bistecca, il ristorante si anima per portare evidenza concreta – anzi, concretissima – ai due commensali dell’impatto ambientale del consumo di carne.

Se servono tre campi da calcio e più di 3 milioni di litri d’acqua per la produzione della bistecca, ecco che sulla coppia seduta al tavolo si riversa una pioggia di acqua; e visto che servono 8 tonnellate di mangime per sfamare una sola mucca, al ristorante irrompe una ruspa con fieno ed erba che fa cadere proprio sulla coppia.

Alla fine, è proprio una mucca ad avvicinarsi al tavolo: il suo arrivo è chiosato dal cameriere con “E non farmi iniziare con la produzione di gas serra di una mucca”. A questo punto, i commensali sono sotto shock: l’uomo chiede di non sapere più il vero “prezzo” del piatto che voleva ordinare. Il cameriere, però, risponde serissimo: “Capisco che tu non voglia, ma questo è il prezzo da pagare“.

Uno spot che punta a risvegliare le coscienze

“Lo spot è un prodotto comico di alto livello, ma che si concentra sull’impatto dannoso dell’industria della carne sull’ambiente e sulla sua connessione al climate change“, ha commentato Noga Bronsky, CEO di Vegan Friendly UK, in occasione del lancio del commercial.

Lo spot segue le orme di quelli lanciati da altre organizzazioni vegan o animaliste per scuotere le coscienze delle persone e portarle a fare la connessione tra ciò che portano in tavola e i danni che le proprie abitudini arrecano all’ambiente, a noi stessi, nonché ovviamente agli animali. Proprio lo scorso autunno, era stata Viva! a lanciare un commercial in cui una giovane coppia ordina da mangiare carne e il fattorino consegna loro un maiale e un coltello, per preparare la propria cena a base di carne con le proprie mani.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli