VEGANOK TG NEWS: online la nuova edizione settimanale

Nuova edizione della rassegna settimanale di VEGANOK TG NEWS e OSSERVATORIO VEGANOK. Ecco tutte le notizie della settimana e gli approfondimenti. GUARDA IL VIDEO CON TUTTE LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA:  Per il terzo anno consecutivo, Coca-Cola, PepsiCo e Nestlé figurano come i principali inquinatori da plastica al mondo, e sono sotto accusa per aver compiuto “zero progressi” nella riduzione dei […]

Nuova edizione della rassegna settimanale di VEGANOK TG NEWS e OSSERVATORIO VEGANOK. Ecco tutte le notizie della settimana e gli approfondimenti.

GUARDA IL VIDEO CON TUTTE LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA: 

Per il terzo anno consecutivo, Coca-ColaPepsiCo e Nestlé figurano come i principali inquinatori da plastica al mondo, e sono sotto accusa per aver compiuto “zero progressi” nella riduzione dei rifiuti, nonostante i nobili obiettivi di sostenibilità annunciati globalmente. I dati provengono dal report annuale di Break free from plastic (BFFP), movimento internazionale che dal 2016 lotta contro l’inquinamento da plastica che affligge l’intero pianeta. L’organizzazione è composta da una fitta rete di volontari provenienti da tutto il mondo, che si occupano della raccolta e dell’identificazione dei rifiuti di plastica in diversi Paesi. Continua a leggere qui:

Ambiente: Coca-Cola al primo posto nel mondo per inquinamento da plastica

Mentre negli ultimi mesi il mercato della carne ha subito una forte contrazione, lo stesso non si può dire per il settore delle salsicce vegetali, che sembra pronto a un’espansione senza precedenti. Secondo i dati diffusi nell’ultimo rapporto della piattaforma di ricerche di mercato Future Market Insights, i ricavi globali di questo mercato supereranno il miliardo di dollari entro la fine del 2021. Ma non è tutto, perché le previsioni stimano che il mercato delle salsicce a base vegetale toccherà un valore di 6,3 miliardi di dollari entro il 2028, con un tasso di crescita annuale del 26,8%. Continua a leggere qui:

Alimentazione “meat free”: il mercato delle salsicce vegetali raggiungerà i 6,3 miliardi di dollari entro il 2028

La ricerca scientifica senza animali non sarebbe solo un traguardo importantissimo da un punto di vista etico, ma apporterebbe anche miglioramenti significativi rispetto agli studi condotti finora. A sostenerlo da sempre è la dottoressa Susanna Penco, docente e biologa ricercatrice all’Università di Genova, nonché socio fondatore di Osa-Oltre la Sperimentazione Animale – associazione che riunisce scienziati e ricercatori che sostengono la necessità di focalizzarsi su una ricerca basata sulla biologia umana, più affidabile e rilevante rispetto a quella condotta sugli animali. Continua a leggere qui:

VIDEO: Il “no” della dott.ssa Susanna Penco, ricercatrice all’Università di Genova, alla sperimentazione sugli animali

Negli anni, attivisti e associazioni animaliste hanno iniziato a rivendicare giustizia e libertà anche per gli animali: il 10 dicembre del 1998, l’associazione animalista britannica Uncaget Campaigns (oggi Centre for Animals & Social Justice) ha istituito la giornata per i diritti degli animali, per fare in modo che gli stessi diritti inalienabili garantiti all’uomo, fossero estesi anche agli altri esseri viventi. Una richiesta che affonda le proprie radici nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Animale, sottoscritta nel 1978 a Parigi non con valore giuridico, ma come codice etico il cui rispetto avrebbe sancito un enorme progresso dal punto di vista culturale. Continua a leggere qui:

Giornata mondiale per i diritti degli animali: quanto sono lontani da sfruttamento e privazione della libertà?

A giovedì prossimo con la rassegna settimanale.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli