VEGANOK TG NEWS: online la nuova edizione settimanale

Nuova edizione della rassegna settimanale. Ecco tutte le notizie della settimana e gli approfondimenti. GUARDA IL VIDEO CON TUTTE LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA: Il 2020 è stato un anno decisamente molto positivo per il mercato plant-based: in Italia, il sell-out dei prodotti “identitari” – che riportano in etichetta claim o indicazioni che fanno riferimento a […]

Nuova edizione della rassegna settimanale. Ecco tutte le notizie della settimana e gli approfondimenti.

GUARDA IL VIDEO CON TUTTE LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA:

Il 2020 è stato un anno decisamente molto positivo per il mercato plant-based: in Italia, il sell-out dei prodotti “identitari” – che riportano in etichetta claim o indicazioni che fanno riferimento a precise scelte di consumo o di vita – è aumentato rispetto ai 12 mesi precedenti di un +7%. Anche il 2019 aveva visto un aumento delle vendite dei prodotti a base vegetale, che però si era fermato a un +3,2%. Questo è quanto emerge dai dati forniti dalla nona edizione dell’Osservatorio Immagino GS1 Italy, che racconta il mondo del largo consumo italiano. Nel complesso, il paniere dei prodotti “veg” – che comprende più di 12 mila referenze alimentari  – ha raggiunto un valore di 3,2 miliardi di euro di sell-out, che rappresentano il 10% del largo consumo alimentare in Italia. Parlando di “veg”, l’Osservatorio Immagino si riferisce a tre aree distinte, che corrispondono ad altrettanti claim presenti in etichetta. Continua a leggere qui:

Spesa: è boom dei prodotti “veg”, 3,2 miliardi di euro di sell-out nel 2020

Si chiama Proferment, ed è un progetto che verrà portato avanti dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università di Copenaghen, per creare nuovi alimenti sostenibili alternativi ai prodotti di origine animale. I ricercatori lavoreranno sul processo di fermentazione di alcuni alimenti partendo da una combinazione di batteri Bacillus e varie muffe, con lo scopo di aumentarne il valore nutritivo, creando allo stesso tempo una nuova categoria di prodotti proteici innovativi, che possano rappresentare una “vera” alternativa sostenibile alle proteine ​​animali. Il progetto, che prevede la collaborazione tra l’Università di Copenaghen, l’Università tecnica della Danimarca e l’Università di Utrecht dal 1 gennaio 2022 fino al 31 dicembre 2027, ha da poco ottenuto una sovvenzione di circa 7,5 milioni di euro (56 milioni di corone danesi). Continua a leggere qui:

Proteine alternative: ricercatori danesi al lavoro per creare una nuova categoria di prodotti vegetali

I vegani sono mediamente più felici di chi consuma carne e derivati animali: ad affermarlo è uno studio realizzato dall’organizzazione Tracking Happiness. La ricerca ha coinvolto 11.537 persone negli Stati Uniti, raggruppate in quattro categorie: vegani (1.179), vegetariani (948), pescetariani (422) e onnivori (8.988). Alla domanda rispetto alla valutazione del proprio livello di felicità nell’ultimo anno, il punteggio medio – in una scala da 1 a 10 – era di 6,9; analizzando questi dati in relazione all’alimentazione degli intervistati, è emerso che gli onnivori hanno ottenuto il punteggio più basso (6,8), mentre i vegani hanno ottenuto il 7% in più. Continua a leggere qui:

Vegani e contenti: uno studio associa la scelta plant-based a una maggiore felicità

Dopo il messaggio forte e chiaro lanciato di recente sulla questione ambientale, con il suo “Se non cambiamo, siamo fo**uti“, Greta Thunberg torna sotto i riflettori, questa volta per la sua stoccata nei confronti dei leader del G7. Il vertice, che riunisce periodicamente i governanti dei Paesi più industrializzati del mondo (tra cui anche l’Italia), si è tenuto tra l’11 e il 13 giugno in Cornovaglia, sotto la guida del primo ministro inglese, Boris Johnons. L’obiettivo, discutere di questioni di importanza globale, tra cui anche la crisi climatica che sta distruggendo il Pianeta. L’incontro, ha portato la giovane attivista a scagliarsi contro quelle che lei stessa definisce “vecchie promesse non mantenute“, in riferimento alle tante azioni concrete e immediate per fermare i cambiamenti climatici di cui i leader mondiali parlano da tempo, ma che sono ancora solo parole. Continua a leggere qui:

G7, la stoccata di Greta Thunberg: “La crisi climatica avanza, ma dai politici solo vuote promesse”

A giovedì prossima con la rassegna settimanale.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli